Filtri ai carboni attivi

Filtri ai carboni attivi: tutto quello che c’è da sapere

104

L’attenzione per l’ecologia, il rispetto dell’ambiente e la riduzione dell’inquinamento ambientale è oggi prerogativa non solo dei singoli, ma anche delle imprese e delle realtà aziendali più grandi. Questa preoccupazione deve convertirsi in un’occupazione, in un investimento efficace per raggiungere questo scopo.

I filtri a carboni attivi consentono di contribuire a ridurre ed eliminare le sostanze inquinanti presenti nell’aria o nell’acqua. Parliamo di una realtà ormai consolidata e non più sperimentale, applicabile sia a livello domestico e privato che a livello industriale e professionale, per il trattamento dei gas e dei fluidi sia in entrata che in uscita. Per avere una panoramica più completa sull’argomento e capire la portata di tale opportunità è doveroso fare chiarezza sui filtri a carboni attivi, andando a precisare cosa sono, per cosa vengono utilizzati e quanto durano.

Cosa sono

Sono dei sistemi in cui si sfruttano le proprietà dei carboni attivi, i quali hanno la capacità di trattenere le sostanze inquinanti presenti nell’aria o nell’acqua.

La depurazione dell’aria

I filtri a carboni attivi per la depurazione dell’aria si attivano ogni volta che vengono attraversati da una corrente gassosa. La porosità dei carboni attivi presenti in questi particolari filtri consente di adsorbire numerose sostanze inquinanti presenti nell’aria come molti composti organici, composti acidi, basici, mercurio, etc.  La versatilità dei filtri a carboni attivi per la depurazione dell’aria permette di utilizzarli sia indipendentemente che in combinazione con altri sistemi di filtraggio. Il risultato è la capacità di eliminare la stragrande maggioranza delle sostanze inquinanti che si trovano nell’aria. Questi filtri a carboni attivi sono quindi particolarmente consigliati per le fabbriche, le industrie che utilizzano vernici, componenti chimici, solventi e tutti quei processi che immettono nell’aria sostanze nocive per la salute.

La depurazione dell’acqua

Anche per la depurazione dell’acqua i filtri a carboni attivi svolgono un ruolo fondamentale e prezioso. Sono ampiamente impiegati per purificare l’acqua potabile liberandola da tutte quelle sostanze nocive come il cloro e gli inquinanti presenti nelle acque tipo composti organici tossici, pesticidi, fenoli e gli ultimi arrivati, i composti perfluoroalchidici (PFOS e PFAS), i sedimenti presenti nel sistema di distribuzione, che rendono l’acqua pesante e dal cattivo sapore. Così come visto per la depurazione dell’aria, anche per quel che riguarda i liquidi i filtri a carboni attivi hanno un’elevata capacità adsorbente capace di trattenere le sostanze inquinanti. Per i fluidi i carboni attivi riescono a assorbire un’elevata quantità di sostanze inquinanti e nocive da poter essere utilizzati in svariati sistemi di purificazione per il trattamento dei liquidi.

A cosa servono

Le proprietà adsorbenti, fisiche e chimiche, dei carboni attivi, permettono un ampio e variegato utilizzo di questi dispositivi. Per il trattamento delle acque i carboni attivi sono ottimi per la purificazione dell’acqua potabile, per il trattamento delle acque industriali così come per la purificazione degli acquari, consentendo di eliminare coloranti e qualsiasi tipo di sostanza organica e mantenendo l’acqua pura, sana.

Anche per la purificazione dell’aria i filtri a carboni attivi hanno una duplice utilità: domestica e professionale. A livello industriale si rivelano straordinariamente incisivi sia per le attività di carrozzeria, meccanica, laboratori, ristoranti, che per le industrie più strutturate dove vi è un’elevata produzione di emissioni gassose con presenza di sostanze nocive per l’ambiente e per la salute.

Non solo aria e acqua

La versatilità dei carboni attivi consente l’utilizzo per la filtrazione e la depurazione non solo dell’acqua e dell’aria, ma anche del trattamento di alimenti, cosmetici e prodotti farmaceutici. Ciò che è importante sottolineare è come i carboni attivi possano essere utilizzati trasversalmente per diversi scopi, con la possibilità di individuare la versione migliore per l’obiettivo ecologico che si deve raggiungere.

Quanto durano

I filtri a carboni attivi non hanno uguale durata, anche perché molto dipende dalle caratteristiche e dalla concentrazione degli inquinanti da rimuovere per cui va verificato caso per caso. In tutti i casi è fondamentale prestare attenzione alla durata dei carboni attivi in quanto si corre il rischio di oltrepassare i limiti di legge consentiti e oltre al rilascio parziale delle costanze adsorbite. Per ottimizzare la durato vanno considerati in modo adeguato il dimensionamento dei filtri a carboni attivi, per cui si deve prendere in considerazione tempo di contatto, velocità di attraversamento del filtro, temperatura e umidità.

Più letti

Categoria: Depurazione

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserisci un indirizzo email valido.
Devi accettare i termini per procedere

Menu